Zac Hamlili e l'eugubino Nuti nomi nuovi per il Gubbio

È nato a Manerbio nel Bresciano, ma le sue origini sono magrebine. Zaccaria Hamlili è in vacanza a Fes, in Marocco. Il forte centrocampista classe ’91, (33 partite e 4 gol nella Pistoiese) è nel mirino del Gubbio, ma dall’altra parte del Mediterraneo si affretta a dire: “Sono in vacanza e non so nulla, non ho letto nulla”. E poi fa capire che essere al centro delle attenzioni di altri club fa sempre piacere ed è professionalmente molto stimolante ma anche che ha “ancora un anno di contratto con la Pistoiese”. Eventuali movimenti di mercato saranno fatti dal suo procuratore, Vincenzo Rispoli e soltanto a condizione che la Pistoiese decida di lasciarlo libero. Ma la destinazione Gubbio, eventualmente, sarebbe molto gradita dal calciatore.

Hamlili è un giocatore aggressivo, ha altissime frequenze, gioca indifferentemente in tutti i ruoli di centrocampo. Attacca gli spazi, recupera decine di palloni. Piace molto a Cornacchini e Tasso che lo hanno avuto ad Ancona. Ma il suo profilo piace molto anche alla società. A centrocampo se il Palermo non esercita il diritto di recompera torna in rosa anche Giacomarro.

LE PRIORITÁ

Sempre nella lista delle possibili entrate, le priorità sono rappresentate dalla punta centrale, ruolo per il quale Paponi (’88, Latina e Juve Stabia) e Marchi (’85 Reggiana) sono in pole. Sempre per l’attacco piacciono molto Frediani (’94, Parma), Ferrari (‘95, Tuttocuoio), Rovini dell’Udinese (’95), Ponce della Sampdoria (’96), Guidone (’86, Reggiana). 

IN DIFESA

In difesa se il portiere Volpe viene ceduto arriva Iannarilli (’90, Viterbese). In difesa i nomi forti sono quelli di Paramatti (‘95 Bologna), De Santis (’97, Roma) e Pedrelli (’88, Reggiana), in ribasso Formiconi (’89 Bassano). Piace anche Briganti (’82) che potrebbe liberarsi dal Como (ma ha ancora due anni di contratto).

IL NOME NUOVO: NUTI

Il nome nuovo potrebbe essere quello dell’eugubino Giovanni Nuti (’98) che è sotto contratto con il Chievo Verona. Il ragazzo potrebbe arrivare in prestito. Gli interessi del forte centrale di difesa sono curati dai procuratori Martinelli di Viareggio e Mischianti di Gubbio. Proprio quest’ultimo ha dichiarato: “Il Chievo ha cambiato il ds e noi siamo in attesa di essere convocati. Sarebbe comunque una soluzione suggestiva il rilancio di Giovanni qui a Gubbio dopo una stagione costellata di piccoli problemi fisici, niente di grave, ma tali da impedire che giocasse con continuità. Quindi aspettiamo le decisioni del Chievo e valuteremo”. Renzo Tasso conosce bene Nuti e se si dovesse presentare l’opportunità la cosa si potrebbe anche fare.

IN USCITA

In uscita il fluidificante mancino Zanchi ha richieste da Foggia, Cremonese e Salernitana. Valagussa potrebbe essere vicino al Teramo. In entrambi i casi sarà comunque il Gubbio a decidere poiché tutti e due sono sotto contratto. Lo stesso discorso vale per gli altri calciatori legati al Gubbio anche per la prossima stagione. Mentre, tra i non contrattualizzati, il centrale Rinaldi potrebbe rientrare nel giro.

Il Gubbio che verrà con un 4-2-3-1 molto... "cattivo"!

Proviamo ad abbozzare il Gubbio che verrà in base alle prime indiscrezioni di mercato. Sia chiaro a tutti che si tratta solamente di una "proiezione". Perché soltanto a mercato chiuso, e cioè il 31 agosto, avremo l'elenco definitivo dei calciatori a disposizione di Cornacchini e Tasso. Intanto però vediamo una possibile evoluzione della squadra rispetto alla scorsa stagione.

GUBBIO 2016-2017

(4-3-1-2)          

                                                        Volpe

 

                Marini                 Rinaldi               Piccinni             Zanchi

 

                         Valagussa                Romano               Giacomarro

 

                                                       Casiraghi

 

                                  Ferretti                          Candellone

 

All. Magi. 

 

 

GUBBIO 2017-2018

(4-2-3-1)

 

                                                    Iannarilli

 

              De Santis           Briganti                Piccinni         Pedrelli

 

                                      Malaccari             Hamlili

 

                                Giacomarro     Casiraghi       Frediani 

 

                                                      Marchi

 

All. Cornacchini.

Mercato: Malaccari sì, Hamilili forse, Frediani difficile

“Questo matrimonio s’ha da fare”. Non ci sono i “Bravi”, né il don Abbondio di manzoniana memoria. Il matrimonio è tra il Gubbio e Nicola Malaccari, centrocampista dai polmoni e dalle gambe d’acciaio. Mezzala moderna, brava nelle tre fasi, tipetto tosto, duro, deciso, che non molla mai. Insomma il prototipo di centrocampista moderno che piace molto a Cornacchini e Tasso e che lo scorso anno non è potuto tornare per scelte tecnico-tattiche quanto meno opinabili. Nei giorni scorsi Pannacci ha contattato Malaccari, gladiatore della Giunti band artefice di una salvezza stralusso conquistata con una Maceratese che da dicembre non ha pagato il becco di un quattrino di stipendi ai suoi tesserati.

“Sarei felicissimo di tornare - dice sincero il calciatore - in rossoblù ho vissuto i miei migliori anni e da Gubbio voglio rilanciarmi dopo aver giocato nelle ultime stagioni in società colpite da mille problematiche”.

Chi è, oggi, Nicola Malaccari che a 25 anni ha 159 partite tra i professionisti con 5 reti all’attivo?

“Sono sempre io. Lei mi chiamava, anni fa, “motorino”: beh, nulla è cambiato”.

Bravo anche senza palla e quando c’è da ribaltare l’azione.
“Cerco di sfruttare al massimo quello che madre natura mi ha dato: e cioè l’energia e la velocità a un senso tattico che migliora sempre con l’acquisizione di maggiore esperienza di campionato in campionato”.

Quindi felice di ricominciare da Gubbio?

“I tifosi di Gubbio mi sono sempre rimasti nel cuore. La società è seria, il presidente ha fame di vittorie, mister Cornacchini mi voleva con lui anche in altre stagioni, Gubbio è la città dove ho conosciuto la mia fidanzata, Isotta: cosa potrei chiedere di più?”.

Se son rose…

 

FREDIANI? DIFFICILE MA…

Marco Frediani è uno dei nomi forti sul taccuino del diesse Pannacci. Esterno d’attacco, scuola Roma, la scorsa stagione ha giocato 38 partite tra campionato (35) e coppa segnando 9 reti (8+1). L’ha tesserato il Parma per vincere il campionato di Lega Pro. Per cui Frediani, con il club già promosso, potrebbe fare fatica a trovare posto in Cadetteria. E per questo il Gubbio gli fa la corte. Ma il Parma lo cederà in prestito? 

“Per ora viene in ritiro con la prima squadra - risponde il direttore sportivo dei ducali Daniele Faggiano - poi vedremo”.

Ma c’è la possibilità di vederlo a Gubbio?

“Difficile”. Ma non impossibile.

 

HAMLILI, IL GUERRIERO 

L’altro “pezzo da novanta” è il centrocampista (classe ’91) Zaccaria Hamlili, di origini magrebine nato a Manerbio nel Bresciano lo scorso anno a Pistoia. Il trasferimento a Gubbio piacerebbe molto anche al ragazzo.  Sempre nella lista delle possibili entrate, se il portiere Volpe viene ceduto arriva Iannarilli. In difesa ballano i nomi di Paramatti (‘95 Bologna), De Santis (’97, Roma), Formiconi (’89 Bassano) e Pedrelli (’88, Reggiana). In attacco Ferrari (‘95, Tuttocuoio), Rovini dell’Udinese (’95), Ponce della Sampdoria (’96), Paponi (’88, Latina e Juve Stabia), Marchi (’85 Reggiana), Guidone (’86, Reggiana). In uscita, a parte i non contrattualizzati potrebbero partire Zanchi (Foggia, Cremonese e Salernitana) e Valagussa (Teramo). Se il Palermo non esercita il diritto di recompera in rosa torna anche Giacomarro.